sabato 22 ottobre 2016

“I miti sono fatti perché l'immaginazione li animi.” ALBERT CAMUS

L’etimologia della parola stagione risulta incerta, oscillante tra due parole latine, statiónem (“atto di stare”, “fermata”) e satiónem (“atto di seminare”). Il ritmo delle stagioni scandisce da sempre la vita umana, se credete è la parte “culturale” del nostro senso del tempo - è il periodo dell’anno dedicato a una particolare semina: ci accompagna da quando abbiamo iniziato a scegliere di riunirci in comunità, raccolte in piccoli villaggi, che poi si son fatti città. Per questo anche la mitologia, nata proprio per “raccontare” i fenomeni della natura agli uomini più semplici, spiega il fenomeno dell’alternarsi delle stagioni attraverso il mito di Demetra, dea delle messi, dei raccolti. Demetra, dea della fertilità, era la madre di Persefone. Un giorno Ade, re dell’Oltretomba e signore dei morti, vide Persefone, se ne innamorò e la rapì, trascinandola con sé nel suo mondo sotterraneo per sposarla. Quando Demetra si accorse che la figlia era scomparsa, disperata, prese a cercarla ovunque. Dopo dieci giorni di ricerche forsennate, Elio, il Sole, le rivelò la verità: tua figlia è stata rapita, è negli Inferi, adesso, ed è sposa del loro dio Ade. Furiosa, Demetra abbandonò l'Olimpo e, pazza di dolore, per vendetta decise che la terra non avrebbe più dato frutti, così la razza umana si sarebbe estinta nella carestia. Fu allora che Zeus intervenne: ordinò ad Ade di restituire Persefone alla sua casa. Ade obbedì, ma prima di rimandare colei che era ormai sua moglie sulla terra, compì un prodigio per impedirle di rimanere per sempre nel regno della luce, lontano da sé. Le fece mangiare un seme di melograno quando lei ancora era nel regno dei morti: per il potere di questo frutto, la costrinse a farvi ritorno, ogni anno, per un lungo periodo. Fu così che Demetra decretò che nei sei mesi che Persefone sarebbe stata nel regno dei morti, sul mondo sarebbe calato il freddo e la natura si sarebbe addormentata, dando origine all'autunno e all'inverno, mentre nei restanti sei mesi la terra sarebbe rifiorita, dando origine alla primavera e all'estate. Ecco: le mezze stagioni non sono mai esistite - le stagioni sono due: quella fredda (da Ottobre a Marzo) e quella calda (da Aprile a Settembre). Si parla di primavera e autunno, ma in realtà, con anticipi o ritardi, è solo l'inverno che cede il passo all'estate e viceversa. L’astronomia ha poi portato a dividere l'anno in 4 stagioni, ma si potrebbe dividerlo in 6 o addirittura 12: ogni mese ha infatti le sue caratteristiche. Molti luoghi comuni sono instabili nel tempo e nello spazio, legati a una determinata epoca e alle dinamiche sociali e culturali. Non quello sulle mezze stagioni: già Leopardi nello Zibaldone (1817-32) scriveva: "Egli è pur vero che l'ordine antico delle stagioni par che vada pervertendosi. Qui in Italia è voce e querela comune, che i mezzi tempi non vi son più; e in questo smarrimento di confini, non vi è dubbio che il freddo acquista terreno. Io ho udito dire a mio padre, che in sua gioventù, a Roma, la mattina di Pasqua di Resurrezione, ognuno si rivestiva da state. Adesso chi non ha bisogno dì impegnar la camiciola, vi so dire che si guarda molto bene di non alleggerirsi della minima cosa di quelle ch’ei portava nel cuor dell’ inverno".

venerdì 15 aprile 2016

FATE ATTENZIONE MIK

Don’t Manage Your Time, Manage Your Attention “Any man who can drive safely while kissing a pretty girl is simply not giving the kiss the attention it deserves.” ~ Albert Einstein "Ogni uomo che può guidare in modo sicuro mentre bacia una bella ragazza, ma l'attenzione che merita non è semplicemente dando il bacio ." ~ Albert Einstein E se hai smesso di preoccuparti su come hai speso il tuo tempo, e invece consideri come hai trascorso la tua attenzione? Te lo dico io : un'affermazione da fare di più ed essere più felice! Qualcuno può spendere il suo tempo seduto su una sedia, ma dov'è la loro mente? Stanno pensando alla persona seduta nelle vicinanze? Sono il brainstorming idee di business? Stanno riflettendo sulle cose a loro grate ? Stanno mettendo il broncio per la loro cattiva sorte? La scelta critica che abbiamo più volte nella vita è dove dirigere la nostra attenzione. Qualcuno potrebbe sostenere che questo è implicito nel "come spendiamo tempo", ma quando sento "passare il tempo," Penso di azioni - mangiare, dormire, andare in piscina, la scrittura, la lettura, seduto su una sedia, ecc Non gestire il tuo tempo, gestisci la tua attenzione : Allinea mente e corpo.. Trascorrere del tempo è su ciò che il corpo sta facendo. Trascorrere l'attenzione è su dove la vostra mente è, che è più importante. Uno studio di Harvard ha scoperto che essere distratti ci rende infelici, ed è stata definita come da qualche parte o fare qualcosa fisicamente con la mente di essere da qualche altra parte. Questo è un problema di attenzione, non uno di tempo. Si tratta di essere presenti dove sei, e di essere in contatto con il vostro ambiente immediato. E significa smettere di mandare sms a un gruppo di persone mentre siete fisicamente con un altro gruppo di persone, per Peter e per amore di tutti gli altri! Per dirla in altro modo, quando sei seduto al lavoro e ti lasci tirare via da notifiche e video del gatto, sei tecnicamente "al lavoro", ma la vostra attenzione è " schizzata via ". Confrontate i risultati di questa sessione di lavoro con uno che pone l'attenzione sul compito da svolgere e la differenza sarà scioccante. Alcune persone fanno in più in 20 minuti compiti che rispetto ad altri vengono fatti in 4 ore, ed è perché riescono a catalizzare la loro attenzione in modo più efficace. Perché l' Attenzione è più potente del Tempo L'attenzione è potere. Le persone si vestono con abiti appariscenti per attirare l' attenzione su di essi. Gli inserzionisti spendono miliardi di dollari per attirare la loro attenzione per cinque secondi. Rock star e Stelle del cinema sono lodate per la loro capacità di intrattenere (vale a dire, tenere l'attenzione della gente per ore). Per qualcosa così ambita e preziosa come la nostra attenzione, è ironico che tutti si concentrano sulla gestione del tempo, invece. La gestione del tempo è noiosa, lascia spazio per l'interpretazione e lascia il suo deriva mente in qualsiasi direzione. Cosa fare a questo proposito: quando ci si siede a lavorare perché sono le 17:00, non pensare a lavorare per un'ora fino a quando la classe di spin. Decidete di concentrarvi a fondo sul proprio compito per i prossimi 5 minuti, e poi rinnovare tale impegno per altri 5 minuti, se necessario. Data la propensione umana a perdere la concentrazione (soprattutto nel nostro mondo moderno di distrazione), è più utile puntare per brevi raffiche di fuoco del laser. Se lo scopo di "lavoro per un'ora," la vostra attenzione su quel compito sarà variare notevolmente, e, quindi, così sarà il vostro risultato. Qualunque sia il vostro obiettivo, dalla felicità per il successo, si concentrerà su cui l'attenzione va e ora si prenderà cura di sé. Si ha abbastanza tempo nel corso della giornata, ma non si hanno abbastanza attenzione nella vostra giornata? Questa è la domanda. Molte persone hanno familiarità con il Principio di Pareto, o il principio 80/20, in cui si afferma che l'80% dei risultati provengono da 20% del lavoro. Questo è un ottimo modo per spiegare la forza del lavoro se è concentrato rispetto al lavoro lavoro incentrato sfocato genererà sempre sproporzionatamente grandi risultati. Come esperimento di oggi, concentrarsi sulla gestione la vostra attenzione più del vostro tempo. Credo che sarete piacevolmente sorpresi di quanto bene si rinnova la vostra energia e aumenta la produttività... Wandering mind not a happy mind La gente spende il 46,9 per cento delle loro ore di veglia a pensare a qualcosa di diverso da quello che stanno facendo, e questo mente vagare in genere li rende infelice. Così dice uno studio che ha utilizzato un Web App iPhone per raccogliere 250.000 punti di dati su soggetti pensieri, sentimenti e azioni come sono andati circa la loro vita. La ricerca, dagli psicologi Matthew A. Killingsworth e Daniel T. Gilbert della Harvard University, è descritta questa settimana sulla rivista Science. "Una mente umana è una mente errante, e una mente errante è una mente infelice," Killingsworth e Gilbert scrittura. "La capacità di pensare a ciò che non sta accadendo è una conquista cognitiva che prevede un costo emotivo". A differenza di altri animali, gli esseri umani spendono un sacco di tempo a pensare a ciò che non sta accadendo intorno a loro: contemplando eventi che sono accaduti in passato, potrebbe accadere in futuro, o non può mai accadere a tutti. Infatti, mente vagare sembra essere la modalità di default del cervello umano di funzionamento. Per tenere traccia di questo comportamento, Killingsworth ha sviluppato un applicazione per iPhone che ha contattato 2.250 volontari a intervalli casuali di chiedere quanto erano felici, quello che erano facendo attualmente, e se stavano pensando circa la loro attività in corso o di qualcos'altro che è stato piacevole, neutro o sgradevole. I soggetti potevano scegliere tra 22 attività generali, come camminare, mangiare, fare shopping, e guardare la televisione. In media, gli intervistati hanno riferito che le loro menti vagavano 46,9 per cento del tempo, e non meno del 30 per cento del tempo durante ogni attività, a parte fare l'amore. " Vagare con la Mente appare onnipresente in tutte le attività", dice Killingsworth, uno studente di dottorato in psicologia ad Harvard. "Questo studio dimostra che la nostra vita mentale sono pervasi, ad un grado notevole, dal non - present." Killingsworth e Gilbert, professore di psicologia ad Harvard, ha scoperto che le persone erano più felici quando fanno l'amore o esercizi o si impegnano in una conversazione. Erano meno felici quando a riposo, di lavoro, o utilizzando un computer di casa. " Vagare con la Mente è un eccellente previsore della felicità delle persone", dice Killingsworth. "In effetti, quanto spesso le nostre menti lasciano il presente e dove tendono ad andare costituiscono un migliore indicatore della nostra felicità che le attività in cui siamo impegnati." I ricercatori hanno stimato che solo il 4,6 per cento della felicità di una persona in un dato momento è attribuibile all'attività specifica lui o lei stava facendo, mentre lo stato mentale che vaga di una persona rappresentavano circa il 10,8 per cento della sua felicità. Time-lag analisi condotte dai ricercatori hanno suggerito che i loro soggetti mente vagare era generalmente la causa, non la conseguenza, della loro infelicità. "Molte tradizioni filosofiche e religiose insegnano che la felicità si trova vivendo in questo momento, e gli operatori sono addestrati a resistere mente vagare e di “essere qui ora", Killingsworth e Gilbert nota nella scienza. "Queste tradizioni suggeriscono che una mente errante è una mente infelice." Questa nuova ricerca, dicono gli autori, suggerisce che queste tradizioni hanno ragione. Killingsworth e 2.250 soggetti di Gilbert in questo studio avevano un'età compresa 18-88, che rappresenta una vasta gamma di background socio-economico e occupazioni. Il settanta per cento dei partecipanti allo studio erano americani. Più di 5.000 persone sono ora utilizzando l'applicazione per iPhone Web. Vostro MIK

venerdì 1 aprile 2016

Ma che diavolo è l' Acqua di DAVID FOSTER WALLACE

Kenyon college and Me8 ottobre 2008 Pubblicato da Chiara Valerio di David Foster Wallace [traduzione di Roberto Natalini] Trascrizione del discorso di David Foster Wallace per la cerimonia delle lauree al Kenyon college, 21 maggio 2005. Un saluto a tutti e le mie congratulazioni alla classe 2005 dei laureati del Kenyon college. Ci sono due giovani pesci che nuotano uno vicino all’altro e incontrano un pesce più anziano che, nuotando in direzione opposta, fa loro un cenno di saluto e poi dice “Buongiorno ragazzi. Com’è l’acqua?” I due giovani pesci continuano a nuotare per un po’, e poi uno dei due guarda l’altro e gli chiede “ma cosa diavolo è l’acqua?”È una caratteristica comune ai discorsi nelle cerimonie di consegna dei diplomi negli Stati Uniti di presentare delle storielle in forma di piccoli apologhi istruttivi. La storia è forse una delle migliori, tra le meno stupidamente convenzionali nel genere, ma se vi state preoccupando che io pensi di presentarmi qui come il vecchio pesce saggio, spiegando cosa sia l’acqua a voi giovani pesci, beh, vi prego, non fatelo. Non sono il vecchio pesce saggio. Il succo della storia dei pesci è solamente che spesso le più ovvie e importanti realtà sono quelle più difficili da vedere e di cui parlare. Espresso in linguaggio ordinario, naturalmente diventa subito un banale luogo comune, ma il fatto è che nella trincea quotidiana in cui si svolge l’esistenza degli adulti, i banali luoghi comuni possono essere questioni di vita o di morte, o meglio, è questo ciò che vorrei cercare di farvi capire in questa piacevole mattinata di sole. Chiaramente, l’esigenza principale in discorsi come questo è che si suppone vi parli del significato della vostra educazione umanistica, e provi a spiegarvi perché il diploma che state per ricevere ha un effettivo valore sul piano umano e non soltanto su quello puramente materiale. Per questo, lasciatemi esaminare il più diffuso stereotipo nei discorsi fatti a questo tipo di cerimonie, ossia che la vostra educazione umanistica non consista tanto “nel fornirvi delle conoscenze”, quanto “nell’insegnarvi a pensare”. Se siete come me quando ero studente, non vi sarà mai piaciuto ascoltare questo genere di cose, e avrete tendenza a sentirvi un po’ insultati dall’affermazione che dobbiate aver bisogno di qualcuno per insegnarvi a pensare, poiché il fatto stesso che siete stati ammessi a frequentare un college così prestigioso vi sembra una dimostrazione del fatto che già sapete pensare. Ma vorrei convincervi che lo stereotipo dell’educazione umanistica in realtà non è per nulla offensivo, perché la vera educazione a pensare, che si pensa si debba riuscire ad avere in un posto come questo, non riguarda affatto la capacità di pensare, ma piuttosto la scelta di cosa pensare. Se la vostra assoluta libertà di scelta su cosa pensare vi sembrasse troppo ovvia per perdere del tempo a discuterne, allora vorrei chiedervi di pensare al pesce e all’acqua, e a mettere tra parentesi anche solo per pochi minuti il vostro scetticismo circa il valore di ciò che è completamente ovvio. Ecco un’altra piccola storia istruttiva. Ci sono due tizi che siedono insieme al bar in un posto sperduto e selvaggio in Alaska. Uno dei due tizi è credente, l’altro è ateo, e stanno discutendo sull’esistenza di Dio, con quell’intensità particolare che si stabilisce più o meno dopo la quarta birra. E l’ateo dice: “Guarda, non è che non abbia ragioni per non credere. Ho avuto anche io a che fare con quella roba di Dio e della preghiera. Proprio un mese fa mi sono trovato lontano dal campo in una terribile tormenta, e mi ero completamente perso e non riuscivo a vedere nulla, e facevano 45 gradi sotto zero, e così ho provato: mi sono buttato in ginocchio nella neve e ho urlato ‘Oh Dio, se c’è un Dio, mi sono perso nella tormenta, emorirò tra poco se tu non mi aiuterai’.” E a questo punto, nel bar, il credente guarda l’ateo con aria perplessa “Bene, allora adesso dovrai credere” dice, “sei o non sei ancora vivo?” E l’ateo, alzando gli occhi al cielo “Ma no, è successo invece che una coppia di eschimesi, che passava di lì per caso, mi ha indicato la strada per tornare al campo.” È facile interpretare questa storiella con gli strumenti tipici dell’analisi umanistica: la stessa precisa esperienza può avere due significati totalmente diversi per due persone diverse, avendo queste persone due diversi sistemi di credenze e due diversi modi di ricostruire il significato dall’esperienza. Poiché siamo convinti del valore della tolleranza e della varietà delle convinzioni, in nessun modo la nostra analisi umanistica vorrà affermare che l’interpretazione di uno dei due tizi sia giusta a quella dell’altro falsa o cattiva. E questo va anche bene, tranne per il fatto che in questo modo non si riesce mai a discutere da dove abbiano origine questi schemi e credenze individuali. Voglio dire, da dove essi vengano dall’INTERNO dei due tizi. Come se l’orientamento fondamentale verso il mondo di una persona e il significato della sua esperienza fossero in qualche modo intrinseci e difficilmente modificabili, come l’altezza o il numero di scarpe, o automaticamente assorbiti dal contesto culturale, come il linguaggio. Come se il modo in cui noi costruiamo il significato non fosse in realtà un fatto personale, frutto di una scelta intenzionale. Inoltre, c’è anche il problema dell’arroganza. Il tizio non credente è totalmente certo nel suo rifiuto della possibilità che il passaggio degli eschimesi abbia qualche cosa a che fare con la sua preghiera. Certo, ci sono un sacco di credenti che appaiono arroganti e anche alcune delle loro interpretazioni. E sono probabilmente anche peggio degli atei, almeno per molti di noi. Ma il problema del credente dogmatico è esattamente uguale a quello del non credente: una certezza cieca, una mentalità chiusa che equivale a un imprigionamento così totale che il prigioniero non si accorge nemmeno di essere rinchiuso. Il punto che vorrei sottolineare qui è che credo che questo sia una parte di ciò che vuole realmente significare insegnarmi a pensare. A essere un po’ meno arrogante. Ad avere anche solo un po’ di coscienza critica su di me e le mie certezze. Perché una larga percentuale di cose sulle quali tendo a essere automaticamente certo risulta essere totalmente sbagliata e deludente. Ho imparato questo da solo e a mie spese, e così immagino sarà per voi una volta laureati. Ecco un esempio della totale falsità di qualche cosa su cui tendo ad essere automaticamente sicuro: nella mia esperienza immediata, tutto tende a confermare la mia profonda convinzione che io sia il centro assoluto dell’universo, la più reale e vivida e importante persona che esista. Raramente pensiamo a questa specie di naturale, fondamentale egocentrismo, perché è qualche cosa di socialmente odioso. Ma in effetti è lo stesso per tutti noi. È la nostra configurazione di base, codificata nei nostri circuiti fin dalla nascita. Pensateci: non c’è nessuna esperienza che abbiate fatto di cui non ne siate il centro assoluto. Il mondo, così come voi lo conoscete, è lì davanti a VOI o dietro di VOI, o alla VOSTRA sinistra o alla VOSTRA destra, sulla VOSTRA TV o sul VOSTRO schermo. E così via. I pensieri e i sentimenti delle altre persone devono esservi comunicati in qualche modo, ma i vostri sono così immediati, urgenti, reali. Adesso vi prego di non pensare che io voglia farvi una lezione sulla compassione o la sincerità o altre cosiddette “virtù”. Il problema non è la virtù. Il problema è di scegliere di fare il lavoro di adattarsi e affrancarsi dalla configurazione di base, naturale e codificata in noi, che ci fa essere profondamente e letteralmente centrati su noi stessi, e ci fa vedere e interpretare ogni cosa attraverso questa lente del sé. Le persone che riescono ad adattare la loro configurazione di base sono spesso descritti come “ben adattati”, che credo non sia un termine casuale. Considerando la trionfale cornice accademica in cui siamo, viene spontaneo porsi il problema di quanto di questo lavoro di autoregolazione della nostra configurazione di base coinvolga conoscenze effettive e il nostro stesso intelletto. Questo problema è veramente molto complicato. Probabilmente la più pericolosa conseguenza di un’educazione accademica, almeno nel mio caso, è che ha permesso di svilupparmi verso della roba super- intellettualizzata, di perdermi in argomenti astratti dentro la mia testa e, invece di fare semplicemente attenzione a ciò che mi capita sotto al naso, fare solo attenzione a ciò che capita dentro di me. Come saprete già da un pezzo, è molto difficile rimanere consapevoli e attenti, invece di lasciarsi ipnotizzare dal monologo costante all’interno della vostra testa (potrebbe anche stare succedendo in questo momento). Vent’anni dopo essermi laureato, sono riuscito lentamente a capire che lo stereotipo dell’educazione umanistica che vi “insegna a pensare” è in realtà solo un modo sintetico per esprimere un’idea molto più significativa e profonda: “imparare a pensare” vuol dire in effetti imparare a esercitare un qualche controllo su come e cosa pensi. Significa anche essere abbastanza consapevoli e coscienti per scegliere a cosa prestare attenzione e come dare un senso all’esperienza. Perché, se non potrete esercitare questo tipo di scelta nella vostra vita adulta, allora sarete veramente nei guai. Pensate al vecchio luogo comune della “mente come ottimo servitore, ma pessimo padrone”. Questo, come molti luoghi comuni, così inadeguati e poco entusiasmanti in superficie, in realtà esprime una grande e terribile verità. Non a caso gli adulti che si suicidano con armi da fuoco quasi sempre si sparano alla testa. Sparano al loro pessimo padrone. E la verità è che molte di queste persone sono in effetti già morte molto prima di aver premuto il grilletto. E vi dico anche quale dovrebbe essere l’obiettivo reale su cui si dovrebbe fondare la vostra educazione umanistica: come evitare di passare la vostra confortevole, prosperosa, rispettabile vita adulta, come dei morti, incoscienti, schiavi delle vostre teste e della vostra solita configurazione di base per cui “in ogni momento” siete unicamente, completamente, imperiosamente soli. Questo potrebbe suonarvi come un’iperbole o un’astrazione senza senso. Cerchiamo di essere concreti. Il fatto puro e semplice è che voi laureati non avete ancora nessun’idea di cosa “in ogni momento” significhi veramente. Questo perché nessuno parla mai, in queste cerimonie delle lauree, di una grossa parte della vita adulta americana. Questa parte include la noia, la routine e la meschina frustrazione. I genitori e i più anziani tra di voi sapranno anche troppo bene di cosa sto parlando. Tanto per fare un esempio, prendiamo una tipica giornata da adulto, e voi che vi svegliate la mattina, andate al vostro impegnativo lavoro da colletto- bianco- laureato- all’università, e lavorate duro per otto o dieci ore, fino a che, alla fine della giornata, siete stanchi e anche un po’ stressati e tutto ciò che vorreste sarebbe di tornarvene casa, godervi una bella cenetta e forse rilassarvi un po’ per un’oretta, per poi ficcarvi presto nel vostro letto perché, evidentemente, dovrete svegliarvi presto il giorno dopo per ricominciare tutto da capo. Ma, a questo punto, vi ricordate che non avete nulla da mangiare a casa. Non avete avuto tempo di fare la spesa questa settimana a causa del vostro lavoro così impegnativo, per cui, uscendo dal lavoro, dovete mettervi in macchina e guidare fino al supermercato. È l’ora di punta e il traffico è parecchio intenso. Per cui per arrivare al supermercato ci mettete moltissimo tempo, e quando finalmente arrivate, lo trovate pieno di gente, perché naturalmente è proprio il momento del giorno in cui tutti quelli che lavorano come voi cercano di sgusciare in qualche negozio di alimentari. E il supermercato è disgustosamente illuminato e riempito con della musica di sottofondo abbrutente o del pop commerciale, ed è proprio l’ultimo posto in cui vorreste essere, ma non potete entrare e uscire rapidamente, vi tocca vagare su e giù tra le corsie caotiche di questo enorme negozio super- illuminato per trovare la roba che volete e dovete manovrare con il vostro carrello scassato nel mezzo delle altre persone, anche loro stanche e di fretta come voi, con i loro carrelli (eccetera, eccetera, ci do un taglio poiché è una cerimonia piuttosto lunga) e alla fine riuscite a raccogliere tutti gli ingredienti della vostra cena, e scoprite che non ci sono abbastanza casse aperte per pagare, anche se è l’ora – di – punta – di – fine - giornata. Cosi la fila per pagare è incredibilmente lunga, che è una cosa stupida e che vi fa arrabbiare. Ma voi non potete sfogare la vostra frustrazione sulla povera signorina tutta agitata alla cassa, che è super stressata da un lavoro la cui noia quotidiana e insensatezza supera l’immaginazione di ognuno di noi qui in questa prestigiosa Università. Ma in ogni modo, finalmente arrivate in fondo a questa fila, pagate per il vostro cibo, e vi viene detto “buona giornata” con una voce che è proprio la voce dell’oltretomba. Quindi dovete portare quelle orrende, sottili buste di plastica del supermercato nel vostro carrello con una ruota impazzita che spinge in modo esasperante verso sinistra, di nuovo attraverso il parcheggio affollato, pieno di buche e di rifiuti, e guidare verso casa di nuovo attraverso il traffico dell’ora di punta, lento, intenso, pieno di SUV, ecc. A tutti noi questo è capitato, certamente. Ma non è ancora diventato parte della routine della vostra vita effettiva di laureati, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, anno dopo anno. Ma lo sarà. E inoltre ci saranno tante altre routine apparentemente insignificanti, noiose e fastidiose. Ma non è questo il punto. Il punto è che è proprio con stronzate meschine e frustranti come questa che interviene la possibilità di scelta. Perché il traffico e le corsie affollate del supermercato e la lunga coda alla cassa mi danno il tempo di pensare, e se io non decido in modo meditato su come pensare e a cosa prestare attenzione, sarò incazzato e infelice ogni volta che andrò a fare la spesa. Perché la mia naturale configurazione di base è la certezza che situazioni come questa riguardino solo me. La MIA fame e la MIA stanchezza e il MIO desiderio di andarmene a casa, e mi sembrerà che ogni altra persona al mondo stia lì ad ostacolarmi. E chi sono poi queste persone che mi ostacolano? E guardate come molti di loro sono repellenti, e come sembrano stupidi e bovini e con gli occhi spenti e non-umani nella coda alla cassa, o anche come è fastidioso e volgare che le persone stiano tutto il tempo a urlare nei loro cellulari mentre sono nel mezzo della fila. E guardate quanto tutto ciò sia profondamente e personalmente ingiusto. Oppure, se la mia configurazione di base è più vicina alla coscienza sociale e umanistica, posso passare un bel po’ di tempo nel traffico di fine giornata a essere disgustato da tutti quei grossi, stupidi SUV e Hummers e furgoni con motori a 12 valvole, che bloccano la strada e consumano il loro costoso, egoistico serbatoio da 40 galloni di benzina, e posso anche soffermarmi sul fatto che gli adesivi patriottici e religiosi sembrano essere sempre sui veicoli più grandi e più disgustosamente egoisti, guidati dai più brutti, più incoscienti e aggressivi dei guidatori. (Attenzione, questo è un esempio di come NON bisogna pensare …) E posso pensare che i figli dei nostri figli ci disprezzeranno per aver sprecato tutto il carburante del futuro e avere probabilmente fottuto il clima, e che noi tutti siamo viziati e stupidi ed egoisti e ripugnanti, e che la moderna civiltà dei consumi faccia proprio schifo, e così via. Avete capito l’idea. Se scelgo di pensare in questo modo in un supermercato o sulla superstrada, va bene. Un sacco di noi lo fanno. Tranne che il fatto di pensare in questo modo diventa nel tempo così facile e automatico che non è più nemmeno una vera scelta. Diventa la mia configurazione di base. È questa la modalità automatica in cui vivo le parti noiose, frustranti, affollate della mia vita da adulto, quando sto operando all’interno della convinzione automatica e inconscia di essere il centro del mondo, e che i miei bisogni e i miei sentimenti prossimi sono ciò che determina le priorità del mondo intero. In realtà, naturalmente, ci sono molti modi diversi di pensare in questo tipo di situazioni. Nel traffico, con tutte queste macchine ferme e immobili davanti a me, non è impossibile che una delle persone nei SUV abbia avuto un orribile incidente d’auto nel passato, e adesso sia cosi terrorizzata dal guidare che il suo terapista le ha ordinato di prendere un grosso e pesante SUV, così che possa sentirsi abbastanza sicura quando guida. O che quell’Hummer che mi ha appena tagliato la strada sia forse guidato da un padre il cui figlio piccolo è ferito o malato nel sedile accanto a lui, e stia cercando di portarlo in ospedale, ed abbia quindi leggitimamente molto più fretta di me: in effetti sono io che blocco la SUA strada. Oppure posso sforzarmi di considerare la possibilità che tutti gli altri nella fila alla cassa del supermercato siano stanchi e frustrati come lo sono io, e che alcune di queste persone probabilmente abbiano una vita molto più dura, noiosa e dolorosa della mia. Di nuovo, vi prego di non pensare che vi stia dando dei consigli morali, o vi stia dicendo che dovreste pensare in questo modo, o che qualcuno si aspetta da voi che lo facciate. Perché è difficile. Richiede volontà e fatica, e se voi siete come me, in certi giorni non sarete capaci di farlo, o più semplicemente non ne avrete voglia. Ma molte altre volte, se sarete abbastanza coscienti da darvi la possibilità di scegliere, voi potrete scegliere di guardare in un altro modo a questa grassa signora super- truccata e con gli occhi spenti che ha appena sgridato il suo bambino nella coda alla cassa. Forse non è sempre così. Forse è stata sveglia per tre notti di seguito tenendo la mano del marito che sta morendo di un cancro alle ossa. O forse questa signora è l’impiegata meno pagata della motorizzazione, che proprio ieri ha aiutato vostra moglie a risolvere un orribile e snervante problema burocratico con alcuni piccoli atti di gentilezza amministrativa. Va bene, nessuno di questi casi è molto probabile, ma non è nemmeno completamente impossibile. Dipende da cosa volete considerare. Se siete automaticamente sicuri di sapere cos’è la realtà, e state operando sulla base della vostra configurazione di base, allora voi, come me, probabilmente non avrete voglia di considerare possibilità che non siano fastidiose e deprimenti. Ma se imparate realmente a concentrarvi, allora saprete che ci sono altre opzioni possibili. Avrete il potere di vivere una lenta, calda, affollata esperienza da inferno del consumatore, e renderla non soltanto significativa, ma anche sacra, ispirata dalle stesse forze che formano le stelle: amore, amicizia, la mistica unità di tutte le cose fuse insieme. Non che la roba mistica sia necessariamente vera. La sola cosa che è Vera con la V maiuscola è che sta a voi decidere di vederlo o meno. Questa, credo, sia la libertà data da una vera educazione, di poter imparare ad essere “ben adattati”. Voi potrete decidere con coscienza che cosa ha significato e che cosa non lo ha. Potrete scegliere in cosa volete credere. Ed ecco un’altra cosa che può sembrare strana, ma che è vera: nella trincea quotidiana in cui si svolge l’esistenza degli adulti non c’è posto per una cosa come l’ateismo. Non è possibile non adorare qualche cosa. Tutti credono. La sola scelta che abbiamo è su che cosa adorare. E forse la più convincente ragione per scegliere qualche sorta di dio o una cosa di tipo spirituale da adorare – sia essa Gesù Cristo o Allah, sia che abbiate fede in Geova o nella Santa Madre Wicca, o nelle Quattro Nobili Verità, o in qualche inviolabile insieme di principi etici – è che praticamente qualsiasi altra cosa in cui crederete finirà per mangiarvi vivo. Se adorerete il denaro o le cose, se a queste cose affiderete il vero significato della vita, allora vi sembrerà di non averne mai abbastanza. È questa la verità. Adorate il vostro corpo e la bellezza e l’attrazione sessuale e vi sentirete sempre brutti. E quando i segni del tempo e dell’età si cominceranno a mostrare, voi morirete un milione di volte prima che abbiano ragione di voi. Ad un certo livello tutti sanno queste cose. Sono state codificate in miti, proverbi, luoghi comuni, epigrammi, parabole, sono la struttura di ogni grande racconto. Il trucco sta tutto nel tenere ben presente questa verità nella coscienza quotidiana. Adorate il potere, e finirete per sentirvi deboli e impauriti, e avrete bisogno di avere sempre più potere sugli altri per rendervi insensibili alle vostre proprie paure. Adorate il vostro intelletto, cercate di essere considerati intelligenti, e finirete per sentirvi stupidi, degli impostori, sempre sul punto di essere scoperti. Ma la cosa insidiosa di queste forme di adorazione non è che siano cattive o peccaminose, è che sono inconsce. Sono la configurazione di base. Sono forme di adorazione in cui scivolate lentamente, giorno dopo giorno, diventando sempre più selettivi su quello che volete vedere e su come lo valutate, senza essere mai pienamente consci di quello che state facendo. E il cosiddetto “mondo reale” non vi scoraggerà dall’operare con la configurazione di base, poiché il cosiddetto “mondo reale” degli uomini e del denaro e del potere canticchia allegramente sul bordo di una pozza di paura e rabbia e frustrazione e desiderio e adorazione di sé. La cultura contemporanea ha imbrigliato queste forze in modo da produrre una ricchezza straordinaria e comodità e libertà personale. La libertà di essere tutti dei signori di minuscoli regni grandi come il nostro cranio, soli al centro del creato. Questo tipo di libertà ha molti lati positivi. Ma naturalmente vi sono molti altri tipi di libertà, e del tipo che è il più prezioso di tutti, voi non sentirete proprio parlare nel grande mondo esterno del volere, dell’ottenere e del mostrarsi. La libertà del tipo più importante richiede attenzione e consapevolezza e disciplina, e di essere veramente capaci di interessarsi ad altre persone e a sacrificarsi per loro più e più volte ogni giorno in una miriade di modi insignificani e poco attraenti. Questa è la vera libertà. Questo è essere istruiti e capire come si pensa. L’alternativa è l’incoscienza, la configurazione di base, la corsa al successo, il senso costante e lancinante di aver avuto, e perso, qualcosa di infinito. Lo so che questa roba probabilmente non vi sembrerà molto divertente o ispirata, come un discorso per questo di genere di cerimonie dovrebbe sembrare. In questo consiste però, per come la vedo io, la Verità con la V maiuscola, scrostata da un sacco di stronzate retoriche. Certamente, siete liberi di pensare quello che volete di tutto questo. Ma per favore non scartatelo come se fosse una sermone ammonitorio alla Dr. Laura. Niente di questa roba è sulla morale o la religione o il dogma o sul grande problema della vita dopo la morte. La Verità con la V maiuscola è sulla vita PRIMA della morte. È sul valore reale di una vera istruzione, che non ha quasi nulla a che spartire con la conoscenza e molto a che fare con la semplice consapevolezza, consapevolezza di cosa è reale ed essenziale, ben nascosto, ma in piena vista davanti a noi, in ogni momento, per cui non dobbiamo smettere di ricordarci più e più volte: “Questa è acqua, questa è acqua.” È straordinariamente difficile da fare, rimanere coscienti e consapevoli nel mondo adulto, in ogni momento. Questo vuol dire che anche un altro dei grandi luoghi comuni finisce per rivelarsi vero: la vostra educazione è realmente un lavoro che dura tutta la vita. E comincia ora. Auguro a tutti una grossa dose di fortuna. Note Questo discorso segue la trascrizione dal video della conferenza, fatta da un appassionato lettore di Wallace, ed è fedele quindi al testo effettivamente pronunciato in quella occasione. Il testo originale inglese si può trovare qui: http://www.marginalia.org/dfw_kenyon_commencement.html. Sono stati eliminati solo un paio di commenti fatti a voce da Wallace stesso. Una versione leggermente diversa è apparsa nel 2006 nel libro “The Best American Nonrequired Reading 2006 ″ per poi essere parzialmente ripresa dal Wall Street Journal nell’edizione del 19 settembre 2008. La Dr. Laura è la Dott.ssa Laura Catherine Schlessinger, autrice di alcuni libri, opinionista, spesso presente in trasmissioni radiofoniche. Nota per i suoi sermoni moralistici, risponde alle domande poste per telefono dagli ascoltatori. Nel suo blog ha avuto modo di scrivere frasi che denotano una scarsa sensibilità, dopo la scomparsa di Wallace.

IL MARE

Il tuo cuore lo porto con me. Lo porto nel mio Non me ne divido mai. Dove vado io, vieni anche tu, mia amata; qualsiasi cosa sia fatta da me, la fai anche tu, mia cara. Non temo il fato perché il mio fato sei tu, mia dolce. Non voglio il mondo, perché il mio, il più bello, il più vero sei tu. tu sei quel che luna sempre fu e quel che un sole sempre canterà sei tu Questo è il nostro segreto profondo radice di tutte le radici germoglio di tutti i germogli e cielo dei cieli di un albero chiamato vita, che cresce più alto di quanto l'anima spera, e la mente nasconde., Questa è la meraviglia che le stelle separa. Il tuo cuore lo porto con me, lo porto nel mio. Autore: Edward Estlin Cummings -

sabato 4 luglio 2015

SALENTO 97 : SUPERSANO UNO DEI 97 SPLENDIDI COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCE

SUPERSANO è proprio uno dei 97 Comuni della Provincia di Lecce e proprio oggi e domani si celebra una delle feste più importanti nel basso Salento che è quella della Madonna di Celimanna, che si celebra solennemente nella cittadina di Supersano la prima domenica di LUGLIO di LUGLIO . Supersano da secoli, ha una profonda devozione verso Maria Santissima, che venera, sotto il titolo della Celimanna; una devozione che è entrata nella storia non solo religiosa, ma anche civile della città; che ha dato origine e forma a manifestazioni religiose e popolari, che fanno parte ormai del patrimonio culturale del popolo di Supersano. Sueprsano è una cittadina che si esalta e si ritrova nella sua Patrona, sente la Madre di Dio particolarmente vicina, da Maria si sente protetta e difesa. La cripta della Madonna di Celimanna presenta suggestivi affreschi murali del XIII secolo e didascalie in lingua greca e latina; si trova alla sommità del cimitero di Supersano accanto al bellissimo santuario costruito nel 1746 da un principe romano il quale, scampato ad una malattia per l’apparizione di Maria, che gli si rivelò col titolo di Celimanna, volle andare nel luogo caro alla Vergine. La leggenda narra che il suo cavallo si inginocchiò una prima volta all’entrata del paese, poi sulla strada che porta alla serra e una terza volta nel luogo dove il principe volle costruire il santuario, a perenne riconoscenza per la guarigione avuta. La Madonna di Celimanna o Coelimanna, protettrice di Supersano, viene ricordata la prima domenica di luglio, quest’anno il 7 luglio; i festeggiamenti presentano alcuni elementi comuni ad ogni altra festa, quali luminarie, concerti bandistici, gare pirotecniche, ma anche elementi particolari, come le danze popolari di pizzica, le esposizioni e le fiere dell’artigianato locale e nazionale. Il nome “Celimanna” deriva dal fatto che la manna era il cibo che, secondo la Bibbia, era piovuto dal cielo agli ebrei, mentre si trovavano nel deserto alla ricerca della terra promessa. Il cursus storico della nascita e del progressivo sviluppo del culto in onore della Madonna di Celimanna da parte del popolo di Supersano, vede questa manna scendere dal Cielo per mezzo di Maria. Alcuni strumenti che ancora oggi si possiedono quali opuscoli, libretti di preghiere e di devozione, novenari, immaginette, poesie e canti, in onore della Madonna di Celimanna, costituiscono un patrimonio ricco e vario della cultura e della religiosità della popolazione di Supersano. Infatti, questi sussidi e questi strumenti messi nelle mani dei fedeli, anche se spesso disomogenei nel linguaggio, nelle espressioni e nella forma, ma diffusi largamente tra il popolo credente, rappresentano la manifestazione di una tipica religiosità popolare nata al di fuori dei riti e delle parole prescritti dalla liturgia della Chiesa. Nascono infatti da una antica leggenda legata al culto della Vergine: nel XV secolo, mentre una pastorella conduceva il suo gregge presso la serra di Supersano, le apparve d’improvviso una signora che le chiese di recarsi in paese a chiamare il curato e le assicurò che si sarebbe presa cura lei del gregge della ragazza fino al suo ritorno. La fanciulla chiamò il parroco, il quale accorse sul luogo dove si era verificata l’apparizione e gli indicò il cespuglio dove lei continuava a vedere la signora che il parroco, invece, non riusciva a vedere. Il curato credette comunque al mistero e, ritornato in parrocchia, informò tutti del miracolo. Il popolo si recò presso il luogo dell’apparizione e nel cespuglio, si scoprì un antro e poi una cripta: dentro c’era un altare con una nicchia in cui era affrescata l’immagine della Madonna, con un’iscrizione greco-latina che diceva: “Virgo Manna Coeli”. Quella grotta, rimasta sepolta, era potuta così sfuggire alle devastazioni dei barbari. Oggi a Supersano, tra la Chiesa e la Madonna di Celimanna i legami non sono soltanto numerosi e stretti: sono essenziali, sono intessuti dal di dentro. Questi due misteri sono più che solidali: si può persino affermare che essi sono un unico mistero, vivibile anche durante la processione nella quale la Madonna viene portata nella chiesa Madre ove rimane in esposizione per quaranta giorni...NON MANCATE MIK & COLPO